Stereogrammi

Torna a "Grafica"


Gli stereogrammi sono quelle strane figure colorate che vengono spesso vendute nei mercatini di paese, apparentemente astratte. Quando ero piccolo non trovavo nulla di particolare in questi disegni, ma il motivo è che nessuno aveva saputo dirmi "come" bisognava guardarli: se lo chiedevo, mi dicevano semplicemente: "Devi fissare per molto tempo un punto qualsiasi verso il centro dell'immagine, dopo un po' vedrai apparire qualcosa". Indicazioni sbagliate!
Non bisogna fissare un punto ed aspettare: in questo modo non si arriva a nulla! È come guardare un muro. La tecnica è semplice, ma bisogna prenderci un po' la mano; se ci si riesce una prima volta, le volte successive diventa tutto più facile.

Come fare? Bisogna guardare un punto dell'immagine e spostare il nostro sguardo su un punto all'infinito, ovvero bisogna guardare in lontananza, anche se lo schermo Ŕ a mezzo metro dalla nostra faccia! Se osserviamo normalmente il punto centrale dell'immagine, i nostri occhi sono rivolti verso di esso; più un oggetto è vicino, tanto più i nostri occhi sono "incrociati". Se invece guardiamo all'"orizzonte" o in lontananza, i nostri occhi sono "paralleli" e il nostro cervello unirà le immagini percepite dai due occhi (se non ne avete due, non potete godervi gli stereogrammi) in modo diverso. Quindi se guardiamo in lontananza, ma osserviamo lo schermo, il nostro cervello unirà le immagini ricevute dai due occhi in modo anomalo... Gli stereogrammi sono basati in parte su questo fatto.

Una tecnica per i principianti è quella di accostare il naso allo stereogramma (nel nostro caso allo schermo del computer), quasi toccandolo, e allontanarsi man mano dal punto di partenza, molto lentamente, ma senza muovere gli occhi (senza far perdere loro la direzione di partenza). Dopo qualche tentativo si inizierà a intravedere qualcosa nella figura.
Vi avverto solamente del fatto che ciò che apparirà non sarÓ un disegno differente da quello di partenza, né sarà una nuova immagine basata su quella di partenza: il risultato finale è quello di vedere (apparentemente) una forma in rilievo sulla figura iniziale, come se l'immaggine acquistasse profondità!
Finché non si riesce ad ottenere il risultato, non ci si rende conto di quanto sia divertente questa forma d'arte!

Ecco gli stereogrammi:

Dinosauro (lo consiglio a tutti; è molto semplice, adatto per imparare; io ho imparato con questo!)
Uccello (molto bello ma anche difficile)
Aereo B52
Figura geometrica
Aquila
Sfere

Torna a "Grafica"